Trenitalia. Intervento di fine seduta

“Signor Presidente, in data 9 marzo 2018, Trenitalia SpA ha pubblicato un bando di gara europeo avente ad oggetto «gara a procedura negoziata interamente gestita con sistemi telematici, per l’affidamento del servizio di manutenzione preventiva e correttiva dei convogli ETR 500 della durata di sei anni». 

All’esito della predetta gara, è risultata assegnataria la CAF Italia. Per-tanto, in data 21 marzo 2019, è stato sottoscritto il relativo contratto di appalto tra Trenitalia SpA e la CAF, relativo, appunto, a tale servizio. 

Successivamente, a seguito della sentenza del tar Lazio del 3 luglio 2019, pubblicata il 3 ottobre 2019, a conclusione del giudizio, la vincitrice era stata esclusa e, quindi, era ritornata in auge l’azienda che in precedenza aveva l’appalto, con un certo numero di lavoratori. 

Nel momento in cui la precedente azienda, Hitachi, aveva perso il bando, essendo arrivata seconda, i lavoratori sono confluiti nella CAF Italia. Dopo la citata sentenza, però, Hitachi, che era la seconda, è ritornata in augene a questo punto CAF Italia ha previsto 233 esuberi, che erano gli ex lavoratori di Hitachi. 

Oggi questi lavoratori si trovano, purtroppo, coinvolti in una procedura di licenziamento collettivo. 

Chiediamo quindi al Ministro competente, in particolare al Ministro che deve dialogare con Trenitalia, di tutelare le prospettive occupazionali dei lavoratori al fine di scongiurare i licenziamenti collettivi.”

TRENITALIA – CAF ITALIA – HITACHI … ed ai lavoratori chi ci pensa?!?

INTERVENTO DI FINE SEDUTA"Signor Presidente, in data 9 marzo 2018, Trenitalia SpA ha pubblicato un bando di gara europeo avente ad oggetto «gara a procedura negoziata interamente gestita con sistemi telematici, per l'affidamento del servizio di manutenzione preventiva e correttiva dei convogli ETR 500 della durata di sei anni». All'esito della predetta gara, è risultata assegnataria la CAF Italia. Per-tanto, in data 21 marzo 2019, è stato sottoscritto il relativo contratto di appalto tra Trenitalia SpA e la CAF, relativo, appunto, a tale servizio. Successivamente, a seguito della sentenza del tar Lazio del 3 luglio 2019, pubblicata il 3 ottobre 2019, a conclusione del giudizio, la vincitrice era stata esclusa e, quindi, era ritornata in auge l'azienda che in precedenza aveva l'appalto, con un certo numero di lavoratori. Nel momento in cui la precedente azienda, Hitachi, aveva perso il bando, essendo arrivata seconda, i lavoratori sono confluiti nella CAF Italia. Dopo la citata sentenza, però, Hitachi, che era la seconda, è ritornata in augene a questo punto CAF Italia ha previsto 233 esuberi, che erano gli ex lavoratori di Hitachi. Oggi questi lavoratori si trovano, purtroppo, coinvolti in una procedura di licenziamento collettivo. Chiediamo quindi al Ministro competente, in particolare al Ministro che deve dialogare con Trenitalia, di tutelare le prospettive occupazionali dei lavoratori al fine di scongiurare i licenziamenti collettivi."

Pubblicato da Sergio Puglia su Mercoledì 13 novembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi