Riaprire subito l’ospedale Forlanini di Roma

“Riaprire subito l’ospedale Forlanini di Roma, ora che il sistema sanitario è messo a dura prova a causa del coronavirus e c’è necessità di posti letto di terapia intensiva che potrebbero essere organizzati in poco tempo. Con l’emergenza Covid-19, ho lanciato anche una petizione su change.org.

A chiederlo a gran voce è il Prof. Massimo Martelli, ex primario della chirurgia toracica del Forlanini (eccellenza invidiataci nel mondo).

Credo che sia una proposta da prendere in considerazione
https://bit.ly/2wK3SPL

Alcune notizie del Forlanini
fonte Wikipedia

La Cattedra universitaria di Roma con sede al Forlanini fu seconda nel mondo dietro soltanto a quella della Sorbona a Parigi; l’Ospedale Carlo Forlanini fu la prima grande struttura del mondo dedicata esclusivamente alla cura della Tubercolosi; in esso infatti fu scoperto e messo a punto nel 1960 da parte di numerosi medici e ricercatori guidati e coordinati dal prof. Omedei Zorini, il metodo di “Chemio-Profilassi Anti- tubercolare mediante Isoniazide”, risultato molto efficace e perciò applicato in tutto il mondo per la prevenzione della tubercolosi nelle persone ancora sane ma esposte al contagio (ambienti familiari, miniere, manicomi, carceri ecc.); proprio per tale motivo l’Ospedale Carlo Forlanini fu scelto dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) come sede di preparazione dei Medici, scelti dalle varie Nazioni, per renderli capaci poi di organizzare bene la lotta anti-tubercolare nel proprio Paese. Il Forlanini fu sede dell’IFA (International Forlanini Association), l’associazione costituita tra i medici stranieri che lì si erano perfezionati, oltre 600 ex-allievi di tutte le nazioni (India, USA, Sud-America, ecc.), che hanno diffuso in tutto il mondo il nome del Forlanini e le sue conquiste scientifiche.

Emergenza Terapia Intensiva

#CoronaVirus"Riaprire subito l’ospedale Forlanini di Roma, ora che il sistema sanitario è messo a dura prova a causa del coronavirus e c’è necessità di posti letto di terapia intensiva che potrebbero essere organizzati in poco tempo. Con l’emergenza Covid-19, ho lanciato anche una petizione su change.org."A chiederlo a gran voce è il Prof. Massimo Martelli, ex primario della chirurgia toracica del Forlanini (eccellenza invidiataci nel mondo).Credo che sia una proposta da prendere in considerazionehttps://bit.ly/2wK3SPLAlcune notizie del Forlaninifonte WikipediaLa Cattedra universitaria di Roma con sede al Forlanini fu seconda nel mondo dietro soltanto a quella della Sorbona a Parigi; l'Ospedale Carlo Forlanini fu la prima grande struttura del mondo dedicata esclusivamente alla cura della Tubercolosi; in esso infatti fu scoperto e messo a punto nel 1960 da parte di numerosi medici e ricercatori guidati e coordinati dal prof. Omedei Zorini, il metodo di “Chemio-Profilassi Anti- tubercolare mediante Isoniazide”, risultato molto efficace e perciò applicato in tutto il mondo per la prevenzione della tubercolosi nelle persone ancora sane ma esposte al contagio (ambienti familiari, miniere, manicomi, carceri ecc.); proprio per tale motivo l'Ospedale Carlo Forlanini fu scelto dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) come sede di preparazione dei Medici, scelti dalle varie Nazioni, per renderli capaci poi di organizzare bene la lotta anti-tubercolare nel proprio Paese. Il Forlanini fu sede dell'IFA (International Forlanini Association), l'associazione costituita tra i medici stranieri che lì si erano perfezionati, oltre 600 ex-allievi di tutte le nazioni (India, USA, Sud-America, ecc.), che hanno diffuso in tutto il mondo il nome del Forlanini e le sue conquiste scientifiche

Pubblicato da Sergio Puglia su Mercoledì 11 marzo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi