Recovery fund. Le vittorie di Conte

Questo è uno dei punti della trattativa conclusa a Bruxelles

 Dispositivo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility).

Di gran lunga il più importante strumento previsto nell’ambito di Next Generation EU che, con unadotazione finanziaria di 672,5 miliardi di euro (312,5 miliardi di sovvenzioni e 360 miliardi diprestiti), con l’obiettivo di sostenere gli investimenti e le riforme degli Stati membrinell’ambito del Semestre europeo, al fine di agevolare una ripresa duratura, migliorare laresilienza delle economie dell’UE e ridurre le divergenze economiche fra gli Statimembri. 

Il 70% delle sovvenzioni (218,7 miliardi) impegnato nel 2021 e nel2022 secondo i criteri di assegnazione proposti dalla Commissione (popolazione,inverso del PIL pro capite e tasso medio di disoccupazione negli ultimi 5 anni rispetto allamedia UE 2015-2019), mentre il 30% impegnato nel 2023 tenendo conto del calodel PIL nel 2020 e nel periodo cumulato 2020- 2021 (criterio che sostituirebbe quellodella disoccupazione).

Nella proposta della Commissione, invece, almeno il 60% dellesovvenzioni dovrebbe essere impegnato entro il 31 dicembre 2022 e l’importo residuo entroil 31 dicembre 2024. 

Può quindi ipotizzarsi una velocizzazione dei tempi di impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi