Autostrade ha messo a rischio la sicurezza di 18 viadotti

I colpevoli devono pagare.

È vergognoso che a scontare le pene di un intricato giro d’affari, quello di Autostrade per l’Italia, siano stati soltanto i cittadini, vittime innocenti di inadempienze e accordi sottobanco.

Solo tra Liguria e Piemonte, i viadotti autostradali che versano in condizioni pessime sono 18. Ormai è un dato di fatto: i Benetton per i propri interessi, grazie a una politica cieca e compiacente, hanno ridotto la rete autostradale italiana a un colabrodo.

Più i giudici guardano tra le carte di Aspi, più monitorano strade e viadotti della rete affidata vent’anni fa alla famiglia di Ponzano Veneto, più scoprono falle. Tanto che l’ultima surreale settimana di novembre ha reso necessaria l’apertura di un nuovo fascicolo per un terzo filone d’inchiesta.

L’accusa è omissione di lavori su opere poco sicure e a rischio rovina. Ancora oggi non è caduto il sospetto che siano stati persino commessi reati di manomissione e falsificazione di documenti anche dopo la tragedia del Morandi dell’agosto 2018.

Aspettiamo che i giudici facciano il loro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi