Ape aziendale, riduce il regalo alle banche ed alle Assicurazioni!

Ape* aziendale, riduce il regalo alle banche ed alle Assicurazioni!

Ape BancaL’Ape aziendale viene utilizzata sopratutto nel caso di turn over o (purtroppo) nei casi di crisi aziendale.

In base alla legge n. 232/2016 i datori di lavoro del settore privato possono incrementare il montante contributivo individuale maturato dai propri dipendenti versando all’Inps in un’unica soluzione, un contributo non inferiore all’importo dei contributi volontari calcolati per coprire il periodo mancante per il raggiungimento della pensione.

PREMESSO che sono fermamente convinto che l’aumento dell’occupazione passa attraverso la diminuzione dell’eta’ pensionabile.

PREMESSO che sono fermamente convinto che il Sistema Pensionistico Pubblico deve essere SEMPRE il perno principale e basilare per il raggiungimento della pari dignità sociale.

L’ottenimento dell’Ape aziendale è possibile solo con i rapporti di lavoro in corso.

Quindi NON è obbligatorio far cessare il rapporto di lavoro. Teoricamente (dico teoricamente) il rapporto potrebbe proseguire.

Tuttavia logica ci dice che nella generalità dei casi, se il datore di lavoro è pronto a sostenere il costo dell’Ape aziendale, vuol dire che sta offrendo un incentivo all’esodo.

Quindi l’Ape aziendale verrà utilizzata sopratutto per poter attuare turn over (nuovo ingresso al lavoro a fronte di pensionamenti). Cessano il rapporto di lavoro i lavoratori anziani.

La cessazione del rapporto puo’ avvenire in diverse modalità:
a) licenziamento;
b) dimissioni;
c) risoluzione consensuale.

Nel caso a) il lavoratore avrà diritto alla NASpI (al massimo per due anni). In tal caso il costo dell’Ape aziendale verrebbe ridotto dal periodo di NASPI che copre la posizione previdenziale del lavoratore.

Pertanto, il lavoratore chiede l’Ape volontario**. viene licenziato, riceve l’accredito dell’Ape aziendale e percepisce la NASpI per due anni. Da questo momento fino al perfezionamento della pensione di vecchiaia riceve le rate di Ape volontario.

* nota Ape: Anticipo Pensionistico
**nota Ape volontario= anticipo finanziario a garanzia pensionistica. L’operazione consiste in un prestito bancario, garantito da un’assicurazione privata contro il rischio premorienza che, una volta raggiunti i requisiti per la normale uscita di vecchiaia, il lavoratore – pensionato comincerà mese per mese a ripagare tramite trattenute alla fonte sulla sua pensione operate direttamente dall’INPS. Per i successivi venti anni. IN ALTRE PAROLE E’ UN REGALO ALLE BANCHE.

Leggi Tutto: http://www.pensionioggi.it/dizionario/ape-volontario…

ISTRUZIONI INPS: Circolare numero 28 del 13-02-2018
https://goo.gl/9wcj1X

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.